C’è chi paragona l’amore ad una droga una di quelle potenti, che ti scagiona e ti imprigiona

C’è chi paragona l’amore ad una droga

una di quelle potenti,

che ti scagiona e ti imprigiona

che ti libera ma ti tormenta

che mentre ti salva poi in verità t’ammazza

una di quelle che quando cominci a farti

ti senti invincibile e giovane

senza limiti e coraggioso

e non ci pensi proprio

no, tu non ci pensi proprio

alle conseguenze

a dove potresti trovarti finito

perduto e spaesato

al marciapiede che potrebbe diventare il tuo migliore amico

sul quale stenderti e dimenticarti

chi sei

perché non sei altro che qualcun altro

all’improvviso, qualcun altro che non sei tu.

C’è chi dice che l’amore è una droga

che ti rende dipendente

che vorresti smettere

ma non sei capace 

che vorresti essere forte, per fermarti finalmente

che dici ‘basta, adesso’ però poi continui lo stesso

io credo che queste persone

abbiano proprio ragione,

me l’hai insegnato tu

che l’amore è la droga più forte e ingannevole

quella più spietata

che io abbia mai potuto immaginare di provare

me l’hai insegnato tu

quando ti vedevo e dopo avevo solo voglia di rivederti ancora e ti cercavo dovunque sperando che tu potessi apparire d’improvviso come per magia

anche se con me le magie non hanno mai funzionato, in fondo mai

io sono sempre quella che spera e non ottiene

ma nonostante questo

non si arrende mai,

quando ti volevo così forte che tutto il resto intorno mi sembrava niente

e i sorrisi degli altri volevo scartarli come regali

per trovarci dentro il tuo

così bello e inimmaginabile

così indescrivibile che a parole non ce la faccio a spiegartelo

ma guardarlo

e guardarlo da vicino mentre sorrido anch’io

mi fa sentire la testa girare 

come quando bevo troppi drink. 

Che l’amore è una droga

me l’hai insegnato quando

l’idea di te 

mi rinchiudeva dentro al tuo mondo

e non mi faceva uscire

quando perdevo gli occhi

fuori dal finestrino di un auto in corsa

e pensavo e ripensavo ai tuoi

ai nostri momenti

ai dettagli

e rivivevo tutto come se stessi guardando un film in hd

e mi sentivo che era finito troppo presto

e volevo solo averti lì

e studiare i tuoi problemi come si fa con quelli di matematica

che non ci ho mai capito un cazzo

ma per risolverteli mi sarei impegnata.

C’è chi paragona l’amore ad una droga

perché ti rende scemo

e irragionevole

e completamente dipendente

e non ti fa capire niente

e d’improvviso tutto il resto passa in secondo piano

e non rispondi più di te

e non sempre hai il controllo

di quello che ti succede intorno

ecco, tu mi hai insegnato che l’amore è proprio così

che non lo puoi fermare 

che ti fa sentire pieno di adrenalina e ti fa passare la fame

come quando un minuto prima ero felice

ma felice da matti

e quello dopo mi sentivo troppo giù

che non mi rialzavo più

solo perché non c’eri tu.

Ecco

tu per me sei quell’amore

che non si spiega a parole

che faccio fatica a raccontare

ma in fondo quando uno è sotto effetto di stupefacenti

mica lo può nascondere

e tutti quanti mi chiedono

-come mai sei così su di giri?-

è perché esisti tu. 

Tu sei per me

tutte le volte che ho detto

-basta così, domani smetto-

e poi e poi

non smetto mai

error: Content is protected !!