So che non ti cercherò perché il nostro tempo è finito già

So che non ti cercherò

perché il nostro tempo è finito già

perché certe cose 

per quanto le vorresti rivivere

hanno una scadenza 

ed è necessario che ce l’abbiano

perché se continuano a oltranza

ti distruggono.

Quelle storie che iniziano ma non sanno finire

quelle storie che non sai se sono storie

o modi semplici per non pensare al tempo

per non pesare il tempo

per non pesare il dolore

quelle storie che non lasci la presa

ma non stringi le dita

che non sai che cos’è

ma sai che ti fa bene

che ti schiaccia la rabbia e il rancore

che ti fa venire un sorriso grande come il mare

e allora cosa vale se non lo chiami amore?

Quelle storie che non sanno finire

che a parole non le sai spiegare

che se te lo chiedono dici che non lo sai cos’è

ma sai che comunque sia è bello sentirsi

legati a qualcosa

senza sentirsi soffocare

che stare nel mezzo non è perfetto per il tuo senso pratico

per il tuo terrore dell’abbandono

ma va bene quando significa non avere bisogno di darsi un nome

perché per un sentimento così

una definizione non c’è.

Quelle storie che non hanno una fine

perché quello che non inizia

non può certo finire

quelle storie senza nome

che non glielo vuoi trovare

ti va bene stare bene

ti va bene sentirti

alla fine del mare

senza aver nuotato

nemmeno per un centimetro

quelle storie che uno sguardo è meglio di un anello

quelle storie senza fine e senza inizio

senza nome

siamo io e te.

Io, te e il mare.

Se vuoi restare aggiornato seguici sulla nostra pagina Facebook Liquid Lives. ed Empatia.

error: Content is protected !!